Demolizione e ricostruzione, riformulata la disciplina delle distanze in edilizia

30 settembre 2020
Demolizione e ricostruzione, riformulata la disciplina delle distanze in edilizia

Il DL Semplificazioni, in vigore dallo scorso 16 luglio 2020, è stato approvato venerdì 4 settembre in Senato con voto di fiducia. Dopo l’ultimo passaggio alla Camera, è stata pubblicata la Conversione in legge con modificazioni, del decreto legge 16 luglio 2020, n. 76, recante misure urgenti per la semplificazione e l’innovazione digitale. La legge 120/2020 entra in vigore dal 15 settembre 2020 e nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 29 settembre 2020 sarà pubblicato il testo della legge 120/2020 coordinato con il decreto legge 76/2020.
La disciplina di demolizioni e ricostruzioni tra le altre ha subito un cambio notevole: via libera a demolizione e ricostruzione anche con volumetrie diverse, senza più la necessità di rispettare le distanze minime previste per la realizzazione delle nuove costruzioni dal decreto ministeriale 1444 del 1998, quando non è consentito lo spostamento di sedime. Unico vincolo il rispetto delle distanze preesistenti tra l’edificio abbattuto e le costruzioni vicine. In questo ambito gli incrementi di volumetria possono essere realizzati con ampliamenti fuori sagoma e con il superamento dell’altezza massima dell’edificio demolito.

FONTE: https://www.ediltecnico.it