La responsabilità del Consulente Tecnico d'Ufficio

9 febbraio 2017
La responsabilità del Consulente Tecnico d'Ufficio

Secondo la giurisprudenza per responsabilità professionale si intende una condotta colposa che arrechi danno ad altro soggetto coinvolto nel contesto in cui è stata richiesta la perizia tecnica.

Recita l’articolo 64 del ctc

"Si applicano al consulente tecnico le disposizioni del codice penale relative ai periti. In ogni caso, il consulente tecnico che incorre in colpa grave nell’esecuzione degli atti che gli sono richiesti, è punito con l’arresto fino a un anno o con la ammenda fino a euro 10.329. Si applica l’articolo 35 del codice penale. In ogni caso e’ dovuto il risarcimento dei danni causati alle parti".

Ad eccezione quindi di un comportamento doloso del consulente, la sua responsabilità sarà quindi definita nel caso in cui sia stata redatta una relazione peritale erronea, dovuta a imperizia, negligenza, imprudenza e che induca in errore il giudicante arrecando danno alla parte.

Data la complessità dell'argomento vi invitiamo ad approfondire l'argomento attraverso l'articolo pubblicato sul Portale del CTU.